CHE COSA STA SUCCEDENDO?

Leggendo le notizie di questi ultimi giorni non possiamo fare a meno di farci una domanda. Non parliamo di formazione di governi, di scelte dei ministri o altro, ma ci chiediamo: cosa ci sta succedendo?

Donne vengono uccise dagli uomini, quasi sempre dai loro compagni o ex compagni, la Presidente della Camera viene minacciata di morte e soprattutto offesa con parole irripetibili sul web, una Ministra viene insultata e offesa per il colore della propria pelle.

In Italia ci sono molti problemi, politici, economici e finanziari, ma nemmeno la loro somma può giustificare questo imbarbarimento.

Il problema della regressione culturale sembra davvero insormontabile, è difficile proporre una soluzione univoca per affrontarlo, ma qualcosa dovremo fare tutti e tutte.

Se i cittadini non riescono a fare ognuno la propria parte,  a mettersi nei panni di chi subisce violenza, a fare uno sforzo su se stessi, chi gestisce la comunicazione e chi governa hanno la responsabilità di dare il buon esempio.

I media devono fare uno sforzo per un uso corretto del linguaggio che non trasmetta sessismo, omofobia e razzismo perché le parole creano la realtà. Non sono più accettabili espressioni come “raptus di gelosia” quando un uomo ammazza la compagna, perché non è la gelosia a uccidere, ma è il maschilismo, l’idea del possesso su una donna.

E i politici smettano di essere il peggior esempio per i cittadini:  probabilmente non troveranno a breve soluzioni per i problemi dell’Italia, allora che almeno provino a “dare il buon esempio”, o almeno tacciano.

Noi faremo la nostra parte e vigileremo affinchè tutti la facciano, perché siamo stufe di pagare sempre il prezzo più alto. Non possiamo andare avanti così, la storia ci ha insegnato che il declino economico di un popolo è sempre preceduto da quello culturale. Ora basta, fermiamoci  qui. Possiamo ancora “essere migliori”.

Comitato Se Non Ora Quando? di Firenze

Annunci

Informazioni su senonoraquandofirenze work in progress

Comitato SNOQ Firenze work in progress senonoraquandofirenze@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in DONNE e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a CHE COSA STA SUCCEDENDO?

  1. Fernanda ha detto:

    Ieri abbiamo proiettato un filmato sulle donne e la Resistenza, donne coraggiose, che non hanno avuto paura e che hanno fatto una scelta:
    Mi chiedo dove sono finite tutte queste donne? le figlie, le nipoti? dobbiamo essere unite e ribellarci perché è proprio vero che il declino di un popolo comincia proprio dal declino culturale e morale.
    Usciamo dal silenzio !!! e incalziamo i politici che diano il buon esempio e si adoperino per una legge giusta e forte contro ogni sopruso e violenza !!
    Io ci sarò …

  2. Elena ha detto:

    E’ un paese terribile ormai, parlare di “imbarbarimento” non rende abbastanza… Sarò a qualunque manifestazione deciderete di indire, ero a Bologna per il primo “Se non ora quando”, una giornata di grande civiltà!

  3. rosalba millauro ha detto:

    dobbiamo FARE , dobbiamo farci sentire!! organizzate e ci sarò!

    • E’ una cosa a cui abbiamo pensato, ma non è semplice raccogliere le forze ed organizzare una GRANDE manifestazione. Perchè il segnale deve essere forte.

    • Fulvia ha detto:

      Siamo tante e credo che in questo momento il movimento deve farsi non solo sentire, ma vedere!! Proviamo a farcela! Orrmai e’ un dovere……

  4. giusisalis ha detto:

    L’ha ribloggato su Un Pizzico di Salise ha commentato:
    A questo messaggio aggiungo il mio mantra di sempre: educazione di genere e ai sentimenti a partire dal nido. Solo trasmettendo la cultura delle differenze e delle libertà reciproche potremo davvero pensare di non dover aggiornare ogni giorno il terrificante archivio di violenze e relative morbose ed inutili analisi.

I commenti sono chiusi.